Biennale Enogastronomica 2018: l’edizione delle novità

La sesta edizione di Biennale Enogastronomica dal 16 al 19 novembre alla Fortezza da Basso. Spazio alle realtà di tutta Italia e formula speciale orientata anche  agli operatori del settore.

Biennale Enogastronomica, l’evento gastronomico più ampio e polivalente del Centro Italia, torna ad animare la città in 4 giornate ricche di appuntamenti imperdibili.

Tante le novità dell’edizione 2018 a partire dalla location: Fortezza da Basso di Firenze, la struttura fieristica fiorentina per eccellenza, diventa la casa della Biennale. Da quest’annoBiennale Enogastronomica infatti si trasforma in manifestazione destinata non solo al pubblico finale di appassionati e gourmet, ma in manifestazione mirata anche al B2B, allargandosi a tutto il territorio italiano. In che modo? Attraverso il coinvolgimento attivo e concreto di aziende e realtà che operano nel settore food&beverage, favorendo il confronto, lo scambio e  l’incontro e riservando l’ intera giornata di lunedì 19 novembre agli operatore del settore,  per offrire reali opportunità di business nazionali ed internazionali.

L’intero e suggestivo Padiglione Arsenale, con annesse Fureria, Basilica e Quinte del Teatrino Lorenese, si trasformano nel più grande laboratorio enogastronomico della Toscana. 4000 mq di superficie che diventano una importante piazza di matching e condivisione di conoscenze. Una vetrina di ampio respiro in cui esporre in modoefficace le proprie idee e prodotti e confrontarsi con le altre realtà che operano nel settore food& wine di tutta Italia. Ma anche per incontrare in modo diretto il consumatore finale, attraverso i desk di assaggio ma anche e soprattutto tramite workshop, degustazioni guidate, i focus masticabili con i prodotti a confronto, gli approfondimenti tematici.

L’edizione 2018 vuole caratterizzarsi come l’edizione dinamica e accessibile.

Dinamica per la presenza di ben 6 aree tematiche, dedicate al vino, alla birra, olio, food, l’area dedicata al gusto guidato, attraverso degustazioni, seminari e approfondimenti, e un’area dedicata al prodotto più cool del momento: la pizza. Dinamica perché saranno tante le attività previste nei giorni dimanifestazione, anche in contemporanea, proprio nella volontà di poter coinvolgere un numero sempre crescente di addetti e consumatori finali.

Dinamica nel suo essere intrinsecamente una volta a promuovere la cultura in campo alimentare in modo sostenibile e profittevole per chi in questo ambito lavora con passione, impegno e fatica.

Per questo Biennale Enogastronomica deve essere una manifestazione in tutto e per tutto accessibile: sia per le aziende ed i Consorzi che vogliono partecipare alle attività del calendario di eventi, ma accessibile anche per gli utenti finali e gli operatori in visita alla manifestazione, dal retailer al ristoratore al sommelier.

A supporto di ciò, l’accesso alla manifestazione sarà libero, e non vi sarà alcun biglietto di ingresso, proprio per agevolare un prolungato momento di scambio, incontro ed educazione e dar modo a chiunque di poter fruire delle attività più volte al giorno e anche in più giorni consecutivi.

L’edizione 2018 pone l’attenzione su uno dei prodotti più cool del momento: la Pizza e lo fa a Firenze, ritenuta ormai la nuova capitale della pizza in Italia, capace di attrarre un numero incredibile di pizzaioli di talento, che danno vita a un vero e proprio laboratorio “a legna” in ogni angolo della città. E ci saranno tutti i protagonisti di questa pizza revolution fiorentina, all’interno dello spazio Piazza della Pizza, con le loro specialità in degustazione, le lezioni con le mani in pasta e ovviamente i tasting.

Anche per questa edizione sarà forte la collaborazione con FISAR, partner d’eccellenza nelle degustazioni guidate di vino, birra e distillati.

Il logo disegnato per Biennale Enogastronomica è proprio una e, semplice ed essenziale, ma di grande valore comunicativo e ricca di significati diversi, tutti includibili nel grande contenitore di idee che è Biennale Enogastronomica. e è la congiunzione che coordina e unisce gli elementi creando un rapporti tra di essi.  È prima di tutto enogastronomia, ma è anche eccellenza ed entusiasmo, economia ed ecosistema. e per biennale è anche sinonimo di educare ed esplorare. Ed è infine la e di evento eccezionale al quale tutti siete invitati a partecipare.

 

La Biennale vuole essere un momento nel quale tutti possono trovare un appuntamento legato al vino e cibo e tutto quanto ruota intorno, che sia divertente, fruibile, utile. Tutti i soggetti legati al settore enogastronomico, sia per lavoro, che per passione o curiosità possono trovare la loro dimensione all’interno della manifestazione, un momento educativo a tutto tondo, utile per tutti, al quale tutti possono contribuire. Biennale non vuole essere un evento esclusivo e per pochi, ma avere portata ampia e dare a tutti la possibilità di approfondire e conoscere, farsi conoscere e tessere relazioni utili ciascuno in funzione delle proprie esigenze o interessi”. Queste le parole di Leonardo Romanelli, direttore artistico della manifestazione.

L’appuntamento con il programma più dettagliato e i protagonisti dell’edizione 2018 è per settembre con la presentazione ufficiale della manifestazione, mentre tutti gli aggiornamenti sono su:

biennaleenogastronomica.it

Seguici anche su:
Facebook
Instagram
Youtube
#biennaleenogastronomica2018 #BEG2018

 

Il progetto Biennale Enogastronomica è realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Firenze e con il patrocinio della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze e del Comune di Firenze.

2018-09-17T12:47:59+00:0018 luglio 2018|Altre attività, Comunicati stampa|